conchigl.JPG - 391,0 K

Sonflaut.gif - 95319,0 K Aerofono dai suggestivi richiami arcaici e mitologici, la conchiglia ha conservato fino a circa 30-40 anni fa un uso funzionale come strumento da segnale, in contesti lavorativi, e rituale, nell'ambito di cerimoniali festivi. Più in particolare, i suonatori di brogna annunciavano l'inizio di attività lavorative di carattere agricolo, quali il trasporto dell'olio dai trappiti ai magazzini o la raccolta della neve all'interno di ampie fosse sui versanti più alti dei Peloritani. Nell'ambito dei contesti rituali e festivi, le più recenti ricerce hanno documentato l'uso paramusicale della brogna nel cosiddetto fistinu - un improvvisato e assordante concerto che si teneva sotto le finestre della casa del vedovo risposato, con l'impiego di estemporanee percussioni (pentole, zappe e utensili di uso quotidiano) - e, ancora oggi, nell'ambito del cerimoniale carnevalesco della Sfilata dell'Orso e della Corte principesca che ha luogo a Saponara il Martedì Grasso. Le conchiglie rilevate appartengono a specie mediterranee - quasi sempre alla Charonia nodifera - e l'insufflazione è resa possibile dalla rottura dell'apice.

nota.gif - 12,0 K signali i lavuru


indietro.gif - 1226,0 K back.jpg - 1109,0 K